10 cose da non perdere alle Seychelles

Ora che sappiamo come organizzare il nostro viaggio alle Seychelles, vediamo quali sono le cose assolutamente da non perdere alle Seychelles per un viaggio indimenticabile.

Andare a caccia di spiagge

Le Seychelles sono famose per le spettacolari spiagge e per la loro particolare natura granitica. Sono isole che vanno assolutamente esplorate per andare alla scoperta di spiagge sempre diverse, sempre incantevoli.

A la Digue non potete perdervi la spiaggia simbolo del paese, la fantastica Anse Source D’Argent. Altre da non perdere sono Anse Patates, Anse Sévère e il trittico Grande Anse, Petite Anse, Anse Coco.

A Praslin Anse Lazio, Anse Georgette e Anse Volbert si contendono il titolo, ma non dimentichiamo anche Anse Kerlan e Anse Takamaka.

Mahé è totalmente circondata di spiagge stupende, merita assolutamente di essere esplorata e ammirata. In particolare noi abbiamo amato Anse Soleil, Anse Aux Pins, Sunset Beach, Port Glaud, Anse l’Islette, Port Launay, Anse a La Mouche e Anse Intendance.

Anse Source d’Argent a La Digue

Potete approfondire le spiagge nell’articolo dedicato: Le 10 migliori spiagge delle Seychelles.

Coccolare le tartarughe giganti a Curieuse – da Praslin

Da Praslin è possibile raggiungere, tramite un’escursione di una giornata oppure anche solo mezza, l’isola di Curieuse. Solo a Curieuse, insieme a Praslin, cresce il Coco de Mer allo stato naturale.

Storicamente ha ospitato una colonia di lebbrosi di Mauritius. Ora è invece la dimora di un centinaio di tartarughe giganti, che qui vivono libere brucando l’erba e le foglie. Il tempo passato a far loro le coccole sicuramente vi emozionerà.

Visitabile tutto l’anno, Curieuse non è solo questo. Attraversando una passerella di legno fra le fitte mangrovie potrete raggiungere una meravigliosa spiaggia dall’altro lato dell’isola: Anse San José, davvero spettacolare, nella top ten delle spiagge migliori delle Seychelles.

Tutti gli hotel e guesthouse della Cote D’Or organizzano questa escursione, oppure potete rivolgervi a Sagittarius Taxi Boat, sulla spiaggia accanto al Paradise Sun Hotel.

Noi abbiamo previsto anche il pranzo al sacco perché al tempo della nostra visita non c’erano punti di ristoro e la nostra escursione non lo prevedeva.

L’arrivo a Curieuse

Fare snorkeling a Saint Pierre – da Praslin

Saint Pierre è un isolotto di granito con un ciuffo di palme, molto scenografico, senza contare la bellezza del mare tutto intorno in cui poter osservare la vita marina. Si trova a neanche dieci minuti di barca da Anse Volbert per un ottimo snorkeling.

Il nostro hotel Les Lauriers organizzava questa escursione insieme alla visita di Curieuse, ma è possibile farle separatamente. Anche gli altri hotel e guesthouse della costa offrono questi servizi di tour.

L’isolotto di Saint Pierre

Prendere parte all’escursione verso le isole di Grand Soeur, Coco e Felicité – da La Digue

La nostra escursione, con Jonathan del Tati’s, si è svolta in mezza giornata con il pranzo cucinato da una famiglia su una spiaggia vicina al punto di partenza delle barche. Ci sono molte opzioni per avere più o meno tempo a disposizione.

La corrente era molto forte ma abbiamo potuto ammirare molta vita marina e anche nuotare con una tartaruga marina: davvero stupendo.

A Felicité c’è poi una stupenda spiaggia in cui rilassarsi.

I fondali di Grand Soeur

Visitare la capitale Victoria e il suo caratteristico mercato a Mahé

Una delle capitali più piccole del mondo, Victoria è una cittadina graziosa circondata dalle colline.

Degna di nota è la Torre dell’Orologio. Al Giardino Botanico potrete conoscere meglio la ricca flora locale, ricordatevi un repellente.

Potrete vedere anche il Museo Nazionale di Storia, che illustra la colonizzazione delle isole e la cultura locale, con anche strumenti musicali e giochi.

Da non perdere il famoso Mercato Sir Selwin Selwyn-Clarke, soprattutto al mattino presto, quando i banchi del pesce sono in piena attività.

La piazza con la Torre dell’Orologio

Visitare il Saint Anne Marine Park da Mahé

Questo parco marino protetto comprende sei piccole isole. Lo snorkeling in questa zona è davvero indimenticabile, ricordatevi la vostra attrezzatura!

Le isole di Cerf, Round e Moyenne sono anche visitabili in giornata.

Le escursioni partono dal porto di Victoria, comprese quelle col fondo di vetro.

Sul sito dei Parchi Nazionali delle Seychelles trovate informazioni più dettagliate sulle isole.

Il parco marino di Saint Anne

Andare alla scoperta di Mahé

Mahé è un’isola ricca di splendide spiagge, un’isola tutta da girare ed esplorare.

Ad Anse aux Pins c’è il Villaggio dell’Artigianato, 12 botteghe intorno al Domaine de Val des Près, un pochino caro a dir la verità ma merita una visita.

Le Jardin du Roi, ad Anse Royale è un giardino delle spezie di 35 ettari che offre un bel panorana sulla costa.

Il Port Launay Marine National Park è uno spot di snorkeling oltre che di belle spiagge.

Sulla strada di Sans Souci trovate anche una Fabbica di thè in cui, al mattino, poter osservare l’intero processo di lavorazione del prodotto.

Victoria poi è una capitale deliziosa.

Una delle stupende spiagge di Mahé

Visitare l’isola di Cousin da Praslin

Se siete appassionati di birdwatching, e non solo, questa sarà la vostra escursione preferita!

Cousin è un’isola dichiarata riserva naturale, raggiungibile in barca da Praslin solo dal lunedì al venerdì al mattino. L’isola è privata e viene gestita da volontari. È possibile abbinarla alla visita di Saint Pierre e Curieuse.

Le colonie di uccelli che nidificano sull’isola non mostrano paura verso l’uomo, è quindi possibile avvicinarsi anche ai piccoli, solitamente i nidi sono a terra.

Qui la natura è davvero incontaminata, in effetti vi consigliamo di portare con voi un buon repellente per le zanzare perché sono aggressive.

Visitare la Riserva naturale Vallée de Mai a Praslin

Dichiarata Patrimonio Unesco nel 1983, la Vallée de Mai è l’unico posto al mondo, insieme a Curieuse, in cui la palma del famoso Coco de Mer cresce naturalmente.

È possibile visitarla in autonomia o con guida e vi porta attraverso il passato incontaminato di queste isole e alla scoperta di questa particolare palma che produce il seme più grande al mondo.

Se siete fortunati potrete anche avvistare il raro pappagallo nero delle Seychelles.

Ricordatevi un repellente e siate preparati ad un ingresso un pochino caro.

Il Coco de Mer, tipico delle Seychelles

Fare trekking al Morne Seychellois National Park a Mahé

Se siete appassionati di trekking, da maggio a settembre potrete prendere parte a varie escursioni in questo parco nazionale. Creato nel 1979, occupa il 20% della superficie dell’isola di Mahé includendo vari habitat naturali.

Il Morne Seychellois, a 905 metri, è la cima più alta delle Seychelles.

Presso l’ufficio turistico di Victoria sono disponibili le mappe dei sentieri segnalati.

Ad esempio quello che sale al Morne Blanc parte dalla Fabbrica di thè sulla strada di Sans Souci e in 600 metri di sentiero ripido porta a un punto panoramico eccezionale.

Anche se non volete camminare, vale lo stesso la pena di fare la strada che risale il Morne Seychellois per fermarsi al belvedere in cima e poter ammirare la costa dall’alto.

Vista dal belvedere del Morne Seychellois National Park

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *