Guida a Koh Rong Samloem, una perla cambogiana

State programmando un viaggio in Cambogia e vorreste dedicare qualche giorno al mare ma non sapete dove? Volete scoprire una delle ultime frontiere del turismo in Asia?

A sud di Sihanoukville ci sono due isole che potrebbero diventare il vostro angolo di paradiso.

Koh Rong è la più grande, la più festaiola, e poi c’è la piccola Koh Rong Samloem, adagiata in un mare dai riflessi turchesi, dove la vita scorre lenta e non ci sono mezzi a motore.

Alla ricerca delle bellezze di questo paese ci siamo diretti verso la piccola Koh Rong Samloem per godere di qualche giorno di relax. Speravamo di trovare pace, tranquillità, spiagge bianche e un mare cristallino e così è stato.

Quando andare a Koh Rong Samloem

La stagione secca da fine novembre ad aprile è quella più indicata per godere del mare, anche se nuvole e pioggia non sono del tutto escluse.

Noi a fine gennaio abbiamo avuto 2 giorni di vento fortissimo e mare molto agitato e in quel caso purtroppo l’isola non dà il meglio di sé.

Se volete tentare la sorte anche nella stagione delle piogge tenete comunque pronto un piano B in caso il tempo sia brutto: i collegamenti potrebbero subire ritardi o venire interrotti e ci dicono che potrebbe piovere per giorni e non essere affatto piacevole.

Come arrivare

La base di partenza per arrivare sulle isole è la cittadina di Sihanoukville.

Sihanoukville

Sihanoukville è da circa un paio d’anni un vero e proprio cantiere a cielo aperto: sta diventando un’enclave cinese in Cambogia con decine di grandi hotel e casinò di proprietà cinese e molte altre decine di grattacieli e mega resort attualmente in costruzione.

Decine di cantieri a Sihanoukville

È tutto un lavorare di ruspe e scarico di materiali, oltre alle strade piene di spazzatura di ogni genere, consigliamo quindi di passare qui solo il tempo necessario a prendere i traghetti per le isole.

Noi abbiamo alloggiato in un piccolo angolo di paradiso: Patchouly Chill House, che consigliamo per la tranquillità del luogo e la gentilezza dei proprietari.

Ci hanno parlato bene di Otres Beach più avanti ma non abbiamo avuto modo di verificare di persona.

Dal molo di Serendipity a Sihanoukville partono i collegamenti per le isole.

Compagnie di traghetti

Per quanto riguarda Koh Rong Samloem le compagnie sono: Buva Sea, GTVC e Speed Ferry Cambodia.

Speed Ferry Cambodia ha un catamarano con diversi orari ogni giorno, potete consultarli sul sito ufficiale e anche prenotarli online in anticipo. Percorrenza 45 minuti.

Buva Sea ha più motoscafi, sempre con diversi orari, prenotabili online. Percorrenza 45 minuti.

Ho invece solo info negative su GTVC.

Il gestore della nostra guesthouse di Sihanoukville ci ha consigliato Buva Sea per la sua flotta più numerosa: se una barca si rompe il trasporto può essere lo stesso assicurato.

A parte forse i periodi di Natale e Capodanno, non è necessario prenotare i biglietti con molto anticipo, noi li abbiamo presi tramite la guesthouse la sera precedente.

In caso vogliate prenotare potete usare i siti ufficiali indicati sopra.

Le recensioni sulle compagnie

Online le recensioni sono molto negative, perché è saggio non affidarsi mai agli orari degli operatori. Questi traghetti non sono noti per la loro puntualità, anzi, assolutamente il contrario. Possono partire in ritardo, anche di 1 ora è più, magari per aspettare altri passeggeri, oppure venire annullati per qualunque motivo (e non solo a causa del maltempo).

A volte i traghetti di ritorno arrivano o partono senza preavviso ad un altro molo dall’altra parte della città, il Royal Pier Ferry Dock. Sbarcando qui si viene approcciati dagli autisti di tuk tuk che offrono passaggi a prezzi maggiorati oppure si spera nell’arrivo della navetta della compagnia.

Se dovete prendere un aereo, per sicurezza è meglio dormire a Sihanoukville la sera prima.

Il prezzo della traversata è di 22 $ andata e ritorno: il ritorno è aperto, giorno e orario vanno riconfermati un giorno prima presso la compagnia stessa oppure la guesthouse in cui alloggiate.

I porti di arrivo

I traghetti conducono i turisti in varie zone di Koh Rong Samloem, ognuna delle quali raggiungibile solo in barca. È necessario quindi conoscere già in anticipo la propria destinazione.

Saracen Bay

È la destinazione principale, la spiaggia più grande dell’isola.

La grande insenatura di Saracen Bay

M’Pay Bay o 23 Village Beach

È la punta a nord dell’isola.

La punta nord di Koh Rong Samloem, l’isola di Koh Koun e Koh Rong all’orizzonte

La guesthouse che avete prenotato può darvi indicazioni rispetto a quale porto di arrivo scegliere e generalmente viene a prendervi con una barchetta al molo: non ci sono strade sull’isola.

La nostra esperienza

Il nostro traghetto Buva Sea delle 11.00 è partito in andata con 45 minuti di ritardo dal molo corretto e arrivato a Koh Rong Samloem non a Orchid Pier ma bensì al Freedom Pier, all’estremità nord di Saracen Bay.

Quello di ritorno alle 9 è arrivato a Orchid Pier 50 minuti dopo l’ora di partenza prevista e dopo una tappa a M’Pay Bay è arrivato a Sihanoukville alle 10.45, non al porto principale di Serendipity bensì al locale Royal Pier.

Se arrivate al Royal Pier, superato il sassoso sentiero verso la strada non fatevi distrarre dagli autisti di tuk tuk che reclamizzano i loro servizi ma state all’erta: 20 minuti dopo è arrivato un tuktuk più grande, alla guida un addetto con la divisa blu e arancio di Buva Sea. Ma ci stava solo 1/3 dei passeggeri e noi siamo stati fra i primi a correre letteralmente all’assalto del posto. Il trasporto ha guidato fino alla stazione degli autobus, in circa 20 minuti e voleva lasciarci tutti lì, ma noi e altri 5 passeggeri dovevamo arrivare a Serendipity Pier e dopo una breve discussione perché voleva farci pagare questo trasporto in più, alla fine siamo arrivati al porto principale con più di 2 ore di ritardo. Qui ci aspettava un driver che non vedendoci arrivare se n’è andato (pazienza ne abbiamo trovato un altro) ma se avessimo avuto un volo forse lo avremmo perso.

Dove dormire

Saracen Bay

Saracen Bay, la spiaggia più bella dell’isola, con fine sabbia bianca e mare turchese, ha una vasta offerta turistica di livello diciamo medio alto.

I resort si susseguono sulla spiaggia lunga 3 chilometri intervallati da bungalow e anche tende. Su Booking potete consultare disponibilità a prezzi.

Tenete presente che, visto il problema degli scarichi in mare, la zona di spiaggia più pulita, vista dal drone, è quella a sud dell’Orchid Pier.

La zona di spiaggia più vivace la sera è quella a partire dal Big Easy verso sud.

Quando scegliete il vostro alloggio valutate anche le foto della spiaggia, ci sono zone in cui la spiaggia è più ampia, poi in base alla marea si restringe ancora di più.

M’Pay Bay

Qui siamo vicino al Village 23, il villaggio dei pescatori locale.

Qui troverete guesthouse in affitto dai locali e un’offerta con costi assai più bassi

Altre zone

Bungalow e Resort più costosi sono disseminati anche su altre piccole insenature dell’isola, raggiungibili solo via barca.

Discorso a parte per Lazy Beach, per la quale un sentiero in mezzo alla giungla di 25 minuti parte da Saracen Bay.

A parte questo sentiero, quello per Sunset Beach di 45 minuti e quello per il Faro di 1 ora è trenta minuti non ci sono altri sentieri o strade sull’isola. Non ci sono mezzi di trasporto a parte un paio di trattori usati per i bagagli e i lavori di costruzione.

Dove mangiare

Ogni resort ha il suo ristorante, la sera lungo la Saracen Bay si susseguono tavolini e sedie sulla sabbia che servono pesce grigliato e altri piatti.

Il cibo deve arrivare interamente via mare quindi è costoso in relazione alla qualità dei piatti per essere in Cambogia.

Una grigliata di pesce in spiaggia può costare 8-10$ a testa.

Come spostarsi

Rigorosamente a piedi o in barca, non ci sono altri mezzi di trasporto

Shopping

A Saracen Bay c’è un piccolo minimarket affacciato alla spiaggia  vicino al Onederz che vende generi alimentari fra cui qualche frutto, bibite, ma anche vestiti, cappelli e infradito. A fianco è disponibile acqua di cocco.

Ci sono alcuni centri massaggi in cui il prezzo medio è di circa 15$ l’ora.

La nostra scelta

Noi abbiamo scelto di alloggiare al Sara Resort, proprio al centro di Saracen Bay, in una zona molto vivace, di fronte al mare, i dettagli nell’articolo dedicato.

I nostri consigli

  • Tenete presente che sull’isola non c’è la corrente elettrica e ogni resort o guesthouse ha un proprio generatore per fornire corrente. I generatori possono essere più o meno vicini alle camere, di conseguenza in alcuni casi i livelli di rumorosità notturna possono essere fastidiosi o meno in base alla posizione della struttura e/o della vostra camera. Se quindi la struttura che avete scelto dispone di aria condizionata e/o WiFi valutate che forse non sarete nel silenzio assoluto o cercate informazioni sulla posizione dei generatori.
  • Purtroppo l’isola è ancora agli albori del suo sviluppo, quindi non esistono fognature, purtroppo gli scarichi di acque nere finiscono direttamente in mare, ci sono alcune zone della spiaggia in cui questo è evidente, ad esempio sulla parte più a nord di Saracen Bay, poco dopo l’Orchid Pier verso sud e poco dopo il LengMeng sempre verso sud.
  • Portate con voi abbastanza contanti per il vostro soggiorno perché sull’isola non ci sono bancomat. Alcuni hotel offrono un servizio di ritiro contanti ma con un 10% di commissione. Anche pagare con carta di credito comporta un supplemento.
  • Non dimenticate creme solari, occhiali e cappello: il sole è molto forte.

Volete sapere cosa c’è da fare a Koh Rong Samloem? Tutti i dettagli nell’articolo dedicato!

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *