Nuotare con le balene in Polinesia Francese: sì o no?

Nuotare con le balene in Polinesia Francese: sì o no?

21 Ottobre 2019 14 Di Sara S

Ogni anno, da luglio a fine ottobre centinaia di balene arrivano nei caldi mari della Polinesia Francese.

Vengono soprattutto al largo di Tahiti, Moorea nelle Isole della Società, e Rurutu, nelle Australi, per partorire i propri cuccioli lontano da orche e altri predatori e crescerli per un paio di mesi prima di migrare in Antartide per nutrirsi.

Nuotare con le balene: perchè in Polinesia Francese?

La Polinesia Francese è uno dei pochi ultimi paesi in cui è ancora permesso tuffarsi e nuotare, facendo snorkeling con loro e, durante il nostro viaggio a ottobre, non abbiamo perso l’occasione per tentare di vederle.

La prospettiva di poter nuotare con un gigante dei mari simile ci sembrava davvero troppo affascinante. Dopo aver visto così tanti documentari sulle balene in tv, poter nuotare con loro sarebbe stato davvero un sogno.  

Quindi in questo articolo cercheremo di dare risposta alla domanda: nuotare con le balene in Polinesia Francese, sì o no?

Le balene del Pacifico, o megattere

Le megattere (megaptera novaeangliae) sono dei cetacei che possono raggiungere le 30 tonnellate di peso e una lunghezza fino a 15 metri. Il loro nome deriva dall’eccezionale grandezza delle pinne pettorali.

Si nutrono di krill, ma anche piccoli pesci, ma solo nelle acque più fredde, e accumulano riserve di grasso in previsione della migrazione verso le acque tropicali, dove non si nutriranno per alcuni mesi.

Verso le acque tropicali

Qui partoriranno i piccoli e li accudiranno per qualche mese fino a che non saranno abbastanza forti per migrare verso l’Antartide: la più grande migrazione osservata da parte di mammiferi – circa 13 000 chilometri.

Le megattere sono minacciate in molte parti del globo a causa della caccia ma hanno anche dei predatori naturali, come le orche, e questo fa sì che la loro popolazione sia nel tempo diminuita di oltre il 90%.

Purtroppo in alcuni paesi la caccia alle balene continua a essere praticata.

La Polinesia Francese, invece, dal 1986 ha aderito alla moratoria contro la caccia e dal 2002 la pratica del Whale Watching è stata regolamentata in modo specifico per non disturbare l’accudimento dei piccoli.

Nuotare con le balene: cosa pensavamo noi

Quando abbiamo letto della possibilità di partecipare ad un’escursione per l’osservazione delle balene, pensavamo all’esperienza avuta in Messico con gli squali balena, che trovate nell’articolo: Nuotare con gli squali balena in Yucatán – Messico

Pensavamo che potesse essere altrettanto facile avvistarle e nuotare con loro, ma dall’altro lato ci chiedevamo se lo stile di queste escursioni fosse più o meno invasivo per il loro benessere.

La realtà dei fatti però è ben diversa rispetto agli altri paesi nel mondo, e l’appartenenza di fatto della Polinesia Francese al comparto europeo, ne fa un paese con regolamentazioni stringenti e leggi anche molto severe.

Nuotare con le balene: l’operatore che abbiamo scelto

Nel timore di dar loro fastidio, abbiamo appositamente scelto un operatore ritenuto fra i più attenti alla conservazione dell’ambiente e al benessere degli animali, e non abbiamo sbagliato in questo.

Scubatek, gestito da Joshua, è una scuola di sub poco fuori Papeete, ad Arue, che stagionalmente si occupa di tali escursioni.

Ha un sito internet in cui è possibile prenotare direttamente l’escursione online con un piccolo sconto. Gestisce dei piccoli gruppi, quindi in stagione è possibile che sia necessario prenotare con qualche giorno di anticipo.

Già da subito ci fa capire che la tranquillità delle balene e soprattutto la nostra sicurezza sono molto più importanti di qualunque altra cosa.

Non sono parole vane, è proprio così.

Ci costerà la nuotata con loro, ma indubbiamente quando si ha a che fare con animali di tale stazza, che con una sola pinnata potrebbero ucciderti, la prudenza non è mai troppa.

Ma, sarà facile vedere questi animali? Oppure no?

La regolamentazione in vigore in Polinesia Francese per l’osservazione delle megattere è sicuramente molto restrittiva. Poter vedere da vicino questi bestioni, poter nuotare con loro, sarà soprattutto questione di fortuna più che di bravura del capitano. Perché diciamo così?

persona guarda il mare dall'obiettivo di una fotocamera

Il comportamento delle balene in acqua

A differenza degli squali balena, che rimangono in superficie con le loro enormi fauci aperte per assorbire i nutrienti a pelo d’acqua, le balene trascorrono in superficie pochissimo tempo.

Potrebbe capitare di vederle immergersi, scorgendole solo grazie allo sbuffo del loro sfiatatoio, e che poi scompaiano per molti minuti prima di rivederle riemergere, magari a decine o anche centinaia di metri di distanza dalla posizione iniziale.

L’irregolarità del loro moto rende praticamente impossibile fare delle previsioni sulla direzione che prenderanno sott’acqua e quindi dove riemergeranno. Ecco perché il fattore fortuna è essenziale.

Le balene sono imprevedibili, soprattutto perché nuotano con il loro piccolo al fianco.

vista del dorso di una balena in mare

Nuotare con le balene: cosa dice la regolamentazione in vigore in Polinesia Francese

La Polinesia Francese dal 2002 è uno dei più grandi santuari al mondo per i cetacei. Le regole per l’avvicinamento delle balene sono molto restrittive, qualche esempio?

È vietato interferire con il loro comportamento, ad esempio spingendole a cambiare velocità o direzione, le barche devono limitare la velocità per ridurre il rumore.

È possibile avvicinarsi solo fino a 100 metri da loro, che se ci pensate, è quasi la distanza fra le porte di un campo da calcio. La barca può solo avvicinarvisi lateralmente e mai frontalmente o dietro.

Esistono anche tutta una serie di regole sulle posizioni da tenere, sul fatto che non è possibile seguirle all’interno delle baie e delle lagune (e a Tahiti alcune baie sono molto grandi!),

Schema di regole per avvicinare le balene in Polinesia Francese
Opuscolo informativo sulla regolamentazione in vigore

Sicurezza in mare aperto

Senza contare che più si va in mare aperto più le onde sono molto alte e in quel caso la possibilità di potersi tuffare con loro è nulla perché poi sarebbe difficile risalire in barca in sicurezza.

Dall’altra parte però, se è la balena ad essere incuriosita dalla vostra presenza, e infine decide di avvicinarsi alla vostra barca, non è necessario spostarsi: è proprio quel genere di fortuna che intendo!

Lo scarico di responsabilità

scheda sui cetacei della POlinesia Francese

Sì perché in Polinesia non esiste lo scarico di responsabilità.

Il capitano di una barca che vi porta in escursione è interamente responsabile della vostra incolumità.

Se da un lato questa è una sicurezza, dall’altro diminuisce le probabilità che la vostra escursione vada esattamente come pensavate, perché al minimo segno di pericolo vi verrà vietato il tuffo. E quando avete speso 60/80€ per un’escursione del genere magari potreste rimanerne un po’ delusi.

Siete disposti a spendere questi soldi ma non avere al 100% la certezza di vederle da vicino o nuotare con le balene?

Noi ci abbiamo provato lo stesso, ripeto, è solo questione di fortuna.

Nuotare con le balene: cosa aspettarsi da questa escursione

Tuffandovi dalla barca a ben 100 metri dall’ultimo avvistamento della balena, nuotando velocemente potrete avvicinarvi a lei e al suo piccolo solo a massimo 30 metri. Se la visibilità è scarsa, il mare è mosso e l’acqua torbida, non vedrete granché.

Inoltre, come ho già detto, la direzione delle balene è assolutamente imprevedibile, quindi è possibile che nella direzione in cui state nuotando voi, magari la balena non ci sia più. Con una sola pinnata può allontanarsi di centinaia di metri!

E poi, reggete a nuotare velocemente con pinne, maschera e boccaglio per 70 metri e sicuramente di più? Non verrete lasciati in acqua a poca distanza, anzi.

Nuotare con le balene: la nostra escursione

Prenotando online una settimana prima abbiamo trovato posto per un turno pomeridiano con Scubatek.

Alla mia richiesta di informazioni via mail, mi è stato proposto il trasferimento gratuito dal nostro appartamento di Papeete per il tour.

Se non lo avete, arrivati in loco è possibile scegliere il proprio equipaggiamento: maschera, boccaglio, pinne, mezza muta e ci si imbarca su un gommone.

Inizia quindi la ricerca delle balene, partendo da un braccio di mare aperto all’estremo est di Tahiti, fuori dalla laguna.

persone su un gommone per un'uscita di osservazione balene a Tahiti

In mare aperto

Qui, le onde sono talmente forti che il gommone viene sbattuto su e giù con forza facendoci saltare tutti, non è neanche possibile tenere una fotocamera in mano!

In compenso, avvistiamo in lontananza un piccolo che fa acrobazie saltando sull’acqua e giocando con le onde alte.

Joshua segue piano piano lui e la madre, sempre a distanza di sicurezza, ma dopo qualche minuto è costretto a desistere perché stanno andando davvero troppo lontano. Tuffarsi non sarebbe neanche immaginabile, con le onde che ci sono sarebbe impossibile poi risalire, il gommone è sbattuto dal mare e non è una situazione sicura.

In laguna

Torniamo verso la laguna è qui avvistiamo madre e cucciolo che stanno entrando nella larghissima baia fra Pointe Venus e il Motu Uta: noi ovviamente non possiamo seguirli.

vista del dorso di una balena al largo di Tahiti e vista della costa

Rimaniamo qualche decina di minuti in attesa sul limite della baia, vediamo le balene avvicinarsi a una barca che era ferma lì, ecco, questo è il genere di fortuna che speravamo di avere anche noi.

Le balene rimangono lì tranquille quindi cerchiamo qualche altro esemplare. Ci dirigiamo poco più a ovest e ne vediamo altri che stanno placidamente nuotando.

sbuffo di una balena in mare aperto

Improvvisamente un esemplare che avevamo visto in lontananza si sta avvicinando a noi, si tuffa proprio sotto il nostro gommone mostrando sott’acqua la sua pancia bianca e sparisce rapidamente nel blu.

vista della schiena di una balena vicino al gommone

Il tuffo

Indossati in fretta e furia pinne e maschere il capitano da il go di tuffarsi, cosa che facciamo, dirigendoci velocemente, con lui, verso l’ultimo avvistamento. Nuotiamo decine di metri nella direzione indicata ma la balena si è allontanata molto più in fretta di noi! Arriva il gommone per recuperarci, tentativo fallito.

Purtroppo la visibilità era a non più di 10/15 metri, il mare torbido, sarebbe stato comunque difficile vederla.

Verso Moorea

Il capitano si dirige infine nel braccio di mare che separa Tahiti da Moorea, qui ci sono vari esemplari in lontananza, ma anche altre 3 barche e quindi occorre rimanere in disparte.

C’è anche da dire che è domenica, sono barche di locali, accorsi qui anche loro per ammirare lo spettacolo delle balene.

Se le barche non ci fossero state sarebbe stato possibile avvicinarsi di più, ecco perché il primo consiglio è: evitare il weekend.

Essendo vietato avvicinarsi alle balene in più barche, meno si è in mare e meglio è.

Durante la settimana solo poche barche cercano balene, nel weekend anche i locali con le loro barche sono liberi di partecipare all’osservazione. E, potendo scegliere, ma noi non lo sapevamo.

Quindi, nuotare con le balene, sì o no?

Il senso di questo articolo, in base alla nostra esperienza e a quella dello stesso gestore di Scubatek è, non è affatto facile nuotare con loro.

Le variabili sono tante e un solo tentativo potrebbe non andare a buon fine, oppure essere assolutamente fortunato.

Anche se lo avessimo saputo prima, noi ci avremmo provato comunque, ma poi ognuno decide per sé se è disposto a spendere soldi senza avere la garanzia materiale che ciò che per cui ha pagato si realizzerà.

Dopotutto sono animali selvatici, nel loro ambiente naturale, liberi, non sono assolutamente prevedibili.

Fate attenzione al periodo: sono nelle acque polinesiane solo da luglio a fine ottobre e Scubatek organizza i tour a partire da agosto.

bambino cavalca un gommone rosso al largo della costa nord di Tahiti

Ci sono alternative per avvistare le balene?

Volete sapere se ci sono alternative per avvistare le balene senza necessariamente prendere parte a un’escursione?

Sì, noi ne abbiamo trovate due: sia a Tahiti che a Moorea.

Ci è stato detto che è molto frequente che le madri coi cuccioli si rifugino, soprattutto nel pomeriggio, nelle baie e nelle lagune di Tahiti e Moorea, che sono più riparate. Noi stessi le abbiamo viste entrarvi.

Ragazza si copre dalla pioggia guardando la terrazza panoramica e la costa sottostante

Da dove avvistare le balene da Tahiti

Alcuni ci hanno detto che le balene sono visibili da Pointe Venus, ma ci è sembrato un punto molto basso sul livello del mare.

Noi abbiamo cercato una terrazza panoramica direttamente sulla baia interna e siamo andati a Col du Tahara’a, a circa 10 chilometri da Papeete.

Qui la terrazza panoramica è alta e con una vista splendida, siamo andati il pomeriggio successivo e una balena era proprio lì all’interno della baia.

Se la pioggia non fosse sopraggiunta all’improvviso, costringendoci a richiamare in fretta e furia a terra il drone, sicuramente avremmo potuto riprenderla dal cielo. Purtroppo non ha più smesso di piovere fino al tramonto e alla fine la balena è uscita senza riuscire a riprenderla.

terrazza panoramica con palma su costa nord di Tahiti
Terrazza panoramica al Col du Tahara’a

Come arrivare a Col du Tahara’a

Se avete un mezzo di trasporto è sufficiente seguire la litoranea a nord di Tahiti verso Mahina. L’ingresso alla terrazza si trova su una rotonda in cima alla strada in salita. Guardate su Google Maps.

Enorme albero di banyan all'ingresso della terrazza panoramica sula rotonda

Bus

Noi pensavamo di prendere l’autobus: il bus che percorre la litoranea da Papeete verso est si prende alle fermate di fianco al Municipio di Papeete, è quello in direzione Mahina/Papenoo. Se avete dubbi chiedete pure alle persone che aspettano oppure direttamente agli autisti. La corsa costa 250 XPF.

Al ritorno la fermata è poco sotto la rotonda all’interno di un parcheggio.

Attenzione, i bus circolano frequentemente solo da lunedì a venerdì e il sabato con meno corse. Alle 17.00/17.30 terminano il servizio.

Autostop

Noi abbiamo aspettato un po’ senza che arrivasse, e alla fine ci ha simpaticamente tirati su una ragazza e dato uno strappo in auto.

Idem al ritorno, un ragazzo, visto che il bus tardava e noi eravamo sotto la pioggia a bordo strada.

In realtà tutto questo perchè gli scooter a noleggio erano finiti, prenotate in anticipo in caso.

Da dove avvistare le balene da Moorea

Incredibile ma vero, sembra che un paio di madri abbiamo eletto la laguna di Moorea a loro dimora, soprattutto di pomeriggio. I locali ci hanno detto che tornano ogni anno a rifugiarsi qui.

Il tratto di costa privilegiato in questo senso è, lo abbiamo scoperto casualmente, quello orientale, in particolare fra Maatea e Haumi, dove c’è una fascia di laguna interna più profonda.

Casualmente come? Abbiamo accostato l’auto sotto alcuni alberi a bordo strada dopo pranzo per fare un pisolino e, eccola lì, una balena col suo piccolo a poche centinaia di metri dalla costa! Sono rimasti lì un paio d’ore e abbiamo potuto goderci la loro vista.

Quando poi hanno iniziato con la gara di salti che emozione!!

E per ultima la coda.

Siamo tornati il giorno dopo alla stessa ora, ed erano ancora lì, leggermente più verso sud.

Con un’auto a noleggio sarete più flessibili negli spostamenti sulla costa.

In alcuni punti di costa occupati da proprietà private abbiamo anche chiesto il permesso di avvicinarci alla spiaggia nella loro proprietà e abbiamo sempre trovato estrema gentilezza.

Altre zone frequentate dalle balene a Moorea

Il nostro alloggio a Moorea si trovava sulla collina da un lato della baia di Cook e, non ci crederete, ma la sera nel buio si sentivano le balene nella baia: il loro soffio caratteristico e a volte dei tonfi in mare.

La sera aguzzavamo l’udito per distinguere la loro presenza nel silenzio: meraviglioso. Tutte e 4 le sere della nostra permanenza potevamo udire la loro presenza a poca distanza da noi, all’interno della baia.

Un’esperienza davvero magica ed emozionante.

Le conclusioni

Insomma, detto questo, prendereste parte ad un’escursione per l’osservazione delle balene?

O magari se ci avete già provato, com’è andata?

Diteci tutto nei commenti