Nuotare con gli squali balena in Yucatán – Messico

Nuotare con gli squali balena in Yucatán – Messico

12 Marzo 2019 0 Di Saretta

Fra le esperienze indimenticabili da fare almeno una volta nella vita, questa non può assolutamente mancare!

Nuotare fianco a fianco con uno squalo balena, un gigante buono che arriva ai 10/12 metri di lunghezza, è un’emozione che va provata e che vi lascerà senza fiato, in ogni senso!

Lo squalo balena

È il più grande squalo esistente, lungo fra 10 e 12 metri, 9/15 tonnellate di peso, è assolutamente innocuo per l’uomo, perché si nutre quasi esclusivamente di plancton, che filtra con le branchie, oltre a piccoli pesci, gamberetti e calamari. La sua pelle blu-verdastra con punti bianchi è molto caratteristica.

Sono animali per lo più solitari, tranne quando migrano nei luoghi di riproduzione. Possono vivere per 60 anni e anche più.

Dove incontrarlo

In base alla stagione è possibile trovare gli squali balena in alcune zone del globo.

In Yucatán sono visibili da giugno a settembre, come alle Galápagos.

Alle Seychelles i mesi migliori sono luglio-agosto e novembre-dicembre.

Alle Filippine, a Donsol tra novembre e giugno e a Bohol tendenzialmente tutto l’anno.

A Tofo in Mozambico tutto l’anno.

Lo squalo balena in Yucatán

Da giugno a settembre (più probabilmente da fine giugno) numerosi esemplari solitamente si aggirano in prossimità delle coste dello Yucatán.

Le basi di partenza per questa escursione molto pubblicizzata sono principalmente due: l’isola di Holbox a nord dell’abitato di Chiquilá e Isla Mujeres/Cancún.

Le guide specializzate in questo tipo di escursioni ci hanno spiegato che da Holbox il luogo di “ritrovo” dei branchi è più vicino, ma lì si trovano solitamente squali più piccoli e in gruppetti di pochi esemplari.

Noi eravamo a Holbox a circa metà giugno e lì gli squali balena non erano ancora arrivati, quindi nessuno pubblicizzava escursioni.

Da Isla Mujeres, invece, il luogo di “ritrovo” sembra essere più lontano, più in mare aperto, ma in compenso lì si radunano gruppi più numerosi con esemplari più grandi e a volte coi piccoli.

A fine giugno eravamo a Isla Mujeres e abbiamo fatto l’escursione da lì, riuscendo a vedere circa 15/20 esemplari radunati nello stesso braccio di mare.

Accorgimenti per questa escursione

  • Si rimarrà in barca per diverse ore, non solo per arrivare agli squali balena, ma anche in attesa di tuffarsi, quindi meglio se non si soffre di mal di mare, altrimenti meglio assumere la pillola specifica.
  • È richiesta una buona capacità natatoria ed esperienza di snorkeling. In caso non vi sentiate sicuri una guida si tufferà con voi, ma non ci sono pericoli.
  • Se il vostro operatore è serio ed eco-responsabile, vi vieterà di salire sulla barca se vi siete applicati della crema solare sulla pelle, vi chiederà di lavarvi prima. Questo perché lo squalo balena nuota con la sua enorme bocca aperta a pelo d’acqua e quindi gli olii contenuti nelle creme, galleggiando a pelo d’acqua, sono nocivi per lui.
  • Vi verrà chiesto di indossare obbligatoriamente un giubbotto salvagente. Se siete nuotatori esperti potete in alternativa noleggiare una muta, che permette maggiore libertà di movimento.
  • Vi verrà chiesto anche di mantenere almeno un metro di distanza dallo squalo e soprattutto di non toccarlo.
  • In barca sarà disponibile l’attrezzatura per lo snorkeling (maschera, boccaglio, pinne) ma se avete la vostra personale ancora meglio.
  • Sono previsti due tuffi a testa, ci si butta in due alla volta all’ok del capitano e in base alla velocità dello squalo dovrete mettere il turbo!
  • Questa escursione include la sosta per il pranzo e può comprendere anche altre attività, informatevi bene su cosa è compreso. Normalmente sono inclusi pick up e drop off al vostro hotel.
  • È possibile acquistare a parte i servizi di un operatore che vi potrà filmare/fotografare con la sua oppure la vostra attrezzatura: contrattate!

I prezzi

Noi abbiamo speso 120$ a testa perché conoscevamo il capitano della barca, ma i prezzi variano.

La nostra esperienza

Alle 7.00 ci presentiamo al luogo di incontro, il monumento Tiburón Ballena sulla costa ovest di Isla Mujeres, ad attenderci il capitano Noè sul suo motoscafo insieme al suo mozzo. La giornata è splendida, il cielo è azzurro, nessuna nuvola all’orizzonte, Noè dice che è un’ottima giornata per avvistare gli squali balena!

In una ventina di minuti di traversata siamo all’approdo dell’agenzia Eco Tour Adventures a Cancún, a cui stanno affluendo gli altri partecipanti.

Viene servito qualche snack per la colazione e dopo un briefing sull’attività della giornata siamo pronti per partire.

Il briefing

Durante il briefing vengono spiegate le regole per l’avvicinamento agli squali balena: vietato toccarli, nuotare sotto di loro, assolutamente vietate lozioni e creme solari perché galleggiando sulla superficie dell’acqua gli animali le ingoierebbero insieme al plancton di cui si nutrono. Si salta in acqua a coppia nel momento indicato, per un paio di tuffi.

Passa fra i partecipanti anche un fotografo che propone i suoi servigi con la sua gopro e cd alla modica cifra di 60$. No grazie! Lui è simpatico, ma decisamente troppo caro! Abbiamo anche noi la Gopro.

Il gruppo in attesa di partire sarà composto da una trentina di persone, veniamo smistati sui vari motoscafi. Noi con Noè siamo con altri 4 passeggeri americani e in barca con noi viene anche il fotografo, Sergio.

Mentre il motoscafo fende le onde a tutta birra verso il punto presunto in cui troveremo gli animali, strappiamo un prezzaccio a Sergio per riprenderci con la nostra Gopro: vada per 20$.

Arrivo al branco

In circa un’ora arriviamo al punto di ritrovo, ci sono almeno una ventina di esemplari. Noè ci dice che questo è il gruppo più numeroso visto finora, che fortuna! Alcuni esemplari poi sono davvero enormi, raggiungono i 12 metri.

Tutte le barche si fermano scaglionate, in base alla direzione di una o l’altra balena il capitano si ferma e direziona il timone in modo tale che la coppia pronta con maschera, boccaglio e pinne, buttandosi in acqua dal parapetto del motoscafo, la possa raggiungere entro 5/6 metri.

Il tuffo

Mio marito è super agitato, lui ha la fobia degli squali! Io sono tranquillissima, l’acqua è il mio elemento.

Gli squali balena sono bellissimi così puntellati e non fanno nessuna paura, sono dei giganti gentili. Che onore poter nuotare al loro fianco, ma sarà un’impresa degna di un velocista, perché ci renderemo conto che loro con una sola lieve pinnata acquistano una velocità pazzesca.

Ora è il nostro turno, ci sediamo sull’alto parapetto del motoscafo, GO!

Siamo in acqua, la visibilità non è altissima, è una corsa a tempo per poter affiancare lo squalo balena (un’esemplare di media grandezza) il più possibile, io riesco ad affiancare il suo muso, pinneggio lateralmente per osservarlo meglio, sono a meno di 1 metro di distanza. Stupendo. Riesco a seguirlo per un paio di minuti.

Tornati sulla barca, mentre recuperiamo fiato per il prossimo tuffo, possiamo ammirare i vari esemplari che si aggirano in questo braccio di mare, davvero maestosi!

Ecco nuovamente il nostro turno, ma stavolta lo squalo a noi destinato non solo è grandissimo, ma vediamo anche che si sposta molto velocemente, dovrò mettere il turbo, ma riuscirò ad affiancarlo per un massimo di 30 secondi prima che si allontani velocemente.

Il ritorno

Tornando verso la terraferma il programma prevede la sosta per il pranzo nella fantastica laguna di Playa Norte di Isla Mujeres per un paio d’ore circa.

Playa Norte a Isla Mujeres

Il tempo è splendido, l’acqua cristallina, il sole splende, facciamo mille foto. Alle 14.30 il tour annuncia il ritorno al molo nuvoloso di Cancún, ma noi invece ci fermiamo qui.

Davvero un’esperienza indimenticabile.

I nostri consigli

  • Non dimenticate una macchina fotografica subacquea o la Gopro.
  • Pinneggiate molto velocemente o non potrete stargli accanto per più di pochi secondi.
  • Valutate gli operatori che vi sembrano più rispettosi del benessere degli animali, anche rispetto alle recensioni online. Solo operatori autorizzati.
  • Non dimenticate cappellino, occhiali da sole, la crema solare che potrete applicare dopo l’incontro con lo squalo balena.

Leggi anche: Consigli utili per organizzare un viaggio in Yucatán e Chiapas

Leggi anche: Itinerario di 15 giorni in Yucatán, Quintana Roo, Campeche e Chiapas