Come organizzare un viaggio alle Seychelles fai da te

Come organizzare un viaggio alle Seychelles fai da te

1 Aprile 2019 4 Di Sara S

Le Seychelles sono, nell’immaginario collettivo, il vero paradiso tropicale per eccellenza, quello dei cataloghi patinati dei tour operator.

Noi volevamo andarci in viaggio di nozze, e sono stati proprio i prezzi spaventosi proposti dai vari tour operator a spingerci verso la conoscenza del fai da te!

Quale paese migliore di questo per farsi le ossa organizzando i propri tour? Le Seychelles si sono rivelate una meta estremamente semplice da organizzare e anche relativamente a buon mercato. Eh sì perché c’è modo di risparmiare, se ne avete la necessità.

Noi ci siamo trattati molto bene spendendo esattamente la metà del prezzo prospettato in agenzia e visitando tutte e 3 le isole principali in 2 settimane.

Quindi, Seychelles fai da te con un budget ragionevole si può? Assolutamente sì!!

Vediamo insieme come.

Le Seychelles

Le Seychelles sono composte da 115 isole, non tutte abitate. Le 3 isole maggiori sono Mahé, Praslin, La Digue. Alcune altre isole sono proprietà privata di grosse catene alberghiere, mentre altre sono semplicemente disabitate o meta di una gita in giornata, come Curieuse.

Queste isole dalle rocce granitiche e le spiagge di sabbia bianca sul mare cristallino sono un vero sogno per i neosposi di tutto il mondo e il motivo è presto detto, sono perfette!

La loro fama è per noi ampiamente meritata: esattamente come entrare in un catalogo! Vi guarderete intorno e sarete rapiti dalla bellezza mozzafiato di queste isole, dal loro essere selvagge ma accoglienti, dalla loro popolazione calorosa e dal clima pressoché perfetto durante quasi tutto l’anno.

Una volta prenotato il volo aereo, gli alloggi e gli spostamenti fra isole e all’interno delle stesse, il gioco è fatto e potete godervi la vostra vacanza in tutta tranquillità!

Quando andare

Le temperature sono costanti durante tutto l’anno sui 28-30 gradi, mentre ci sono due stagioni definite dagli Alisei.

Da novembre ad aprile portano umidità, per una stagione più piovosa, soprattutto da dicembre a febbraio, quando dei cicloni che passano al largo (raramente toccano le isole) potrebbero portare giornate più nuvolose e acquazzoni persistenti.

Da maggio a ottobre è invece la stagione più secca, ma leggermente più fresca, durante la quale le zone a nord e nord-ovest sono meno esposte ai venti, che a luglio e agosto potrebbero essere sostenuti, rendendo il mare particolarmente mosso, soprattutto dove non c’è barriera corallina a riva.

Nei periodi di transizione, quando i venti invertono direzione, abbiamo le condizioni ideali per godere delle bellezze di queste isole poiché il mare si calma.

Possiamo quindi dire che il periodo ideale per visitare le Seychelles è quello fra aprile-maggio e ottobre-novembre. Brevi acquazzoni sono comunque possibili in qualunque stagione.

Noi abbiamo visitato le Seychelles a maggio, con un breve acquazzone pomeridiano a Praslin e un paio di acquazzoni a Mahé.

A Mahé in particolare gli acquazzoni sono facilmente aggirabili perché normalmente le nuvole sono solo in un versante dell’isola, e attraversate le montagne per passare sull’altro lato di solito si gode del sole.

Come arrivare

I voli arrivano sull’isola maggiore Mahé, l’unica con un aeroporto internazionale.

Le compagnie che servono le Seychelles con voli dall’Italia fanno almeno uno scalo e sono, fra le altre, Emirates, Qatar, Turkish Airlines, Etihad, British Airways con prezzi variabili in base al periodo fra 500 e 900€.

Acquistando i voli con qualche mese di anticipo si possono spuntare dei prezzi molto interessanti per periodi non di alta stagione. Ad esempio per giugno, scegliendo partenze a metà settimana ho visto anche voli a 500€ con Qatar. Se potete considerare queste opzioni, ciò consente un immediato risparmio sul budget totale del viaggio.

Verificate le opzioni su Skyscanner o Google Flights.

Noi abbiamo volato con Air Seychelles quando aveva istituito il volo diretto da Milano, a circa 900€ ma so che purtroppo non esiste più. Certo il prezzo era sicuramente alto, ma il livello di confort era altrettanto alto e il volo fra l’altro era quasi vuoto.

Come spostarsi fra le isole

Tutte le isole sono così belle che non potete arrivare alle Seychelles e rimanere solo sull’isola principale. Come spostarsi fra le 3 isole principali?

Come arrivare a Praslin

Aereo

Fra Mahé e Praslin è possibile usufruire di un comodo volo interno su un piccolo aeroplano che in 20 minuti, sorvolando la meravigliosa Baie Saint Anne, consente di atterrare sulla seconda isola dell’arcipelago.

Questo volo, disponibile in vari orari, può essere prenotato comodamente sul sito di Air Seychelles e in base alle disponibilità lo pagherete a partire da 70€ a persona.

Il terminal dei voli domestici si trova vicino a quello dei voli internazionali, potete quindi passare direttamente su Praslin al vostro arrivo, naturalmente tenendovi qualche ora cuscinetto in caso di ritardi.

Traghetto

La compagnia Cat Cocos fa questa tratta anche via mare al prezzo di 50€ (in economy) in 1 ora.

È possibile prenotare online sul sito ma non è normalmente necessario, noi abbiamo fatto i biglietti al nostro arrivo al porto.

Tenete presente che nel periodo secco la traversata può però essere un po’ movimentata a causa del vento e del mare mosso. Prevedete delle pastiglie contro il mal di mare.

Come arrivare a La Digue

La Digue è raggiungibile solo in traghetto, le opzioni sono passando da Praslin oppure direttamente da Mahé.

Da Mahé la compagnia Cat Cocos copre la tratta verso La Digue da 60€ in 1 ora e mezza.

Da Praslin il Cat Rose fra Praslin e La Digue costa 14€ per 15 minuti di traversata.

Anche questa tratta l’abbiamo acquistata al nostro arrivo al porto, verificate gli orari sul sito.

In alta stagione potete prenotare dal sito online della compagnia oppure su SeyFerry

Se il vostro budget lo consente è possibile spostarsi fra le isole anche in elicottero.

Come muoversi all’interno delle isole

Mahé

Mahé è visitabile con gli autobus locali, ma l’isola è grande è sarebbe un po’ dispersivo.

Noi consigliamo certamente il noleggio di un’auto, la guida è a sinistra ma ci si fa presto l’abitudine. Il vantaggio è quello di poter esplorare l’isola a piacimento e di alloggiare magari in zone un po’ più fuorimano ma con belle spiagge. La patente italiana è sufficiente.

Mahé è in effetti un’isola stupenda, spesso sottovalutata, e merita sicuramente il tempo che potrete dedicarle, vi regalerà spiagge incantevoli.

Una delle stupende spiagge di Mahè

Praslin

Anche Praslin è visitabile in autobus, che guidano a velocità folle lungo tutta la costa, oppure contrattando un tour in taxi, o ancora noleggiando un’auto.

Noi abbiamo fatto un mini tour contrattando con un taxista facendoci accompagnare e riprendere a Anse Lazio, visto che andandoci in bus avremmo dovuto fare 1,5 chilometri a piedi.

Il giorno successivo abbiamo invece noleggiato una piccola Kia Picanto al costo di 30€ per fare un tour autonomo delle spiagge sul lato opposto dell’isola compresa Anse Georgette.

La spiaggia di Anse Georgette, all’interno del Lemuria Resort a Praslin

La Digue

La Digue è piacevole da esplorare in bici, ogni guesthouse o albergo ne ha da affittare, costano 7/8€ al giorno, noi ce le siamo fatte includere nel costo dell’alloggio. In alternativa sono affittabili anche al porto.

Anse Sévère a la Digue

Dove alloggiare

Possiamo dire che la scelta degli alloggi sia per tutte (o quasi) le tasche.

Sui principali portali di prenotazioni, come Booking, in base alla stagione si va da un minimo di 60€ a notte per una doppia a tutto quello che il vostro portafoglio vi permette. Ecco perché le Seychelles sono possibili anche senza grossi budget!

Il primo passo è decidere quanto tempo dedicare ad ogni isola, e quindi decidere il tipo di struttura che preferite e la posizione.

Visto che le cene sono abbastanza costose, a volte conviene prenotare una mezza pensione se siete in hotel o guesthouse oppure alloggiare in appartamenti e self-catering ma con l’onere di cucinare.

La nostra scelta

Noi in 2 settimane di tempo abbiamo scelto di fare 4 notti a Praslin subito all’arrivo, 5 notti a La Digue e infine 4 notti a Mahé e non ci siamo pentiti di questa suddivisione.

Abbiamo optato per la mezza pensione in modo da poterci rilassare la sera, ed essendo in viaggio di nozze abbiamo deciso di trattarci bene.

Praslin

Les Lauriers: si trova nella zona migliore dell’isola in cui alloggiare, Anse Volbert o Cote D’Or.

Les Lauriers è stato recentemente ricostruito e convertito in un eco hotel quindi il prezzo non è più low cost. Non si trova in prima linea ma a 2 minuti dalla spiaggia e purtroppo non dispone di spiaggia attrezzata. Noi non ne abbiamo sentito la mancanza perché eravamo sempre in giro ma magari non per tutti è così. Il ristorante con buffet creolo è sublime, mentre la posizione centrale a poca distanza da tutti i servizi è molto comoda.

L’esterno delle ville di Les Lauriers

La Digue

Patatran Hotel: il clou del nostro viaggio di nozze, si è rivelato all’altezza delle nostre aspettative, visto che abbiamo anche usufruito di un upgrade gratuito in camera deluxe. La sua posizione isolata su una stupenda spiaggia a nord dell’isola, Anse Patates, lo rende silenzioso e intimo. Peccato per i tramonti non visibili dalle camere vista mare sulla scogliera ma la struttura è molto carina, con il ristorante affacciato sulla piscina.

Per raggiungere il maggiore centro di La Digue, La Passe, è necessario usufruire delle bici ed è consigliata una torcia se uscite di sera a cena. Noi avevamo la mezza pensione e abbiamo mangiato molto bene.

La spiaggia, Anse Patate, antistante l’Hotel Patatran

Mahé

Anse Soleil Beachcomber: cercato e bloccato in loco al nostro arrivo perché l’hotel che avevamo prenotato da casa era davvero terribile, ci siamo innamorati delle camere Premier sulla collina con vista stupenda sul mare.

Si trova in una posizione di non facile accesso senza un’auto, si affaccia su una delle migliori spiagge del sud di Mahé, Anse Soleil, in cui è possibile fare il bagno senza preoccuparsi delle maree ed è possibile godere di tramonti mozzafiato. Anche qui abbiamo mangiato molto bene in mezza pensione.

Anse Soleil a Mahè

A Mahé ci sono comunque moltissime opzioni fra cui scegliere.

Dove mangiare

I ristoranti sono indubbiamente cari, ecco perché noi abbiamo preferito la mezza pensione ove possibile. Anche l’opzione dei self catering vi permetterà di risparmiare potendo cucinare a casa, poiché gli alimentari sono facilmente reperibili.

Sulle isole ci sono anche dei take-away economici con cibo locale, molto buoni e vari a circa 5/6 €.

Su alcune spiagge è poi possibile pranzare col pesce fresco alla griglia a prezzi ragionevoli.

Documenti necessari

Oltre al passaporto valido è necessario essere in possesso di un biglietto aereo di andata e ritorno, il visto concesso all’arrivo dura 30 giorni.

Può essere necessario mostrare in aeroporto almeno la prenotazione per la prima notte, ad ogni modo noi vi sconsigliamo di arrivare qui all’avventura, soprattutto nei periodi di alta stagione, perché le strutture disponibili potrebbero non essere allineate al vostro budget.

Valuta

La valuta delle Seychelles è la Rupia Seychellese, ma nei luoghi turistici, hotel e alcuni ristoranti è richiesto solitamente il pagamento in valuta straniera forte, come dollari o euro.

Cambiare i soldi in rupie vi servirà probabilmente solo per piccole spese e per i mercati, nel dubbio chiedete se le rupie sono accettate o meno.

Connessioni e wifi

La connessione a internet è limitata e non tutte le strutture hanno un wifi di buona qualità.

Potete acquistare una scheda SIM locale appena fuori dall’aeroporto, ma non sarà a buon mercato e sicuramente non avrà molti Gb disponibili.

Droni alle Seychelles

I droni a scopi ricreativo sono permessi alle Seychelles, non sono richiesti permessi, ma le regole sono restrittive:

  • Non volare su aree popolate, persone e assembramenti
  • Non volare entro 300 metri da strutture o veicoli
  • Rispettare la privacy
  • Non volare a meno di 15 chilometri dagli aeroporti – questo di fatto esclude il volo sia a Mahé, poiché l’aeroporto è proprio a metà dell’isola, che a Praslin.
  • Oltre 15 chilometri dagli aeroporti l’altezza massima è 600 metri
  • Volare solo di giorno e in buone condizioni atmosferiche
  • Divieto di sorvolo di aree militari e governative.

I nostri consigli

  • Non partite senza un’adeguata assicurazione di viaggio.
  • Portate con voi i medicinali che pensate potrebbero esservi utili. Noi non abbiamo fatto vaccini.
  • Sono stati riportati sporadici casi di dengue, non dimenticate quindi di portare con voi dei buoni repellenti contro le punture di zanzara. I più efficaci sono quelli a base di Deet al 50%.
Tramonto infuocato a Anse Soleil

Volete sapere cosa c’è da fare e vedere alle Seychelles? State con noi.