La Pelosa a Stintino: una Spiaggia da Fotografare

La Pelosa a Stintino: una Spiaggia da Fotografare

4 Ottobre 2021 2 Di Sara

Tra i nostri Viaggi da Fotografare, non potevamo non dare spazio alla meravigliosa Sardegna. Cercavamo spiagge mozzafiato e acqua cristallina e La Pelosa a Stintino non ci ha affatto delusi.

Anche se la fruizione di questa spiaggia non può dirsi immediata, fra regole e regolette, vale sicuramente la pena lo sforzo e il costo.

Vi spieghiamo tutto.

Parliamo di La Pelosa

Possiamo dire che questa spiaggia sia proprio il simbolo di Stintino, un comune in provincia di Sassari situato nell’estremo nord ovest della Sardegna.

Si tratta dell’ultimo tratto di una penisola che dalla terraferma si protende verso l’isola dell’Asinara.

Del resto, ci sarà un motivo se questa spiaggia è stata riconosciuta fra le più belle d’Europa, spesso anche fra le più belle del mondo.

Sembra di trovarsi su una spiaggia caraibica!

Una sabbia bianca e finissima, un mare cristallino ed estremamente trasparente, il fondale che sembra non voler digradare mai.

Essendo protetta da venti e correnti grazie alla sua posizione, l’acqua è sempre calmissima, di mille tonalità e sfumature che cambiano col passare delle ore.

Di fronte, l’isola Piana, che sembra confondersi con l’Asinara.

A poca distanza l’inconfondibile Torre della Pelosa, risalente al 1578, elemento basilare di tutte le foto della spiaggia.

A dominare la spiaggia dall’alto, invece, la Torre di Capo Falcone a 189 metri di altitudine, risalente al 1537.

Per noi un paradiso, un vero sogno per gli occhi.

La Pelosa a Stintino vista della scogliera oltre la spiaggia

La Pelosa a Stintino: come arrivare

La Pelosa si trova a una decina di minuti di auto da Stintino, anche se parcheggiare non è sempre facile.

In alternativa, da Stintino parte anche un bus navetta.

La Pelosa a Stintino: parcheggiare

Nei pressi della spiaggia ci sono dei parcheggi a pagamento da giugno a settembre.

Purtroppo non sono molti rispetto all’affluenza, quindi vi servirà anche una buona dose di fortuna.

Più lontano dalla spiaggia, però, se non vi disturba camminare, ci sono anche alcuni parcheggi gratuiti, ad esempio qui.

I parcheggi di questa zona sono invece riservati ai residence.

Parchimetri e App Easypark

Oltre ai parchimetri posizionati lungo il perimetro dei parcheggi, è anche possibile usare la App Easypark per pagare direttamente tramite smartphone inserendo la propria targa.

In questo modo potrete pagare anche solo frazioni di ora.

Il prezzo varia da 1,50 a 2,50€ all’ora in base alla stagione.

La Pelosa a Stintino: come funziona l’accesso alla spiaggia

La spiaggia della Pelosa è occupata per circa un terzo nella parte centrale da un lido attrezzato con lettini e ombrelloni.

Il resto è spiaggia libera, anche se non del tutto, vi spiego perché.

L’eccessivo sfruttamento turistico stava irrimediabilmente rovinando la sua bellezza, il comune ha deciso quindi di limitarne l’accesso indiscriminato.

La Pelosa a Stintino vista della spiaggia dalla passerella

Le regole

Come regole basilari, prima di tutto c’è il divieto di fumo in tutta la spiaggia, poi l’obbligo di posizionare una stuoia sotto ai teli da spiaggia e di usare le doccette per i piedi all’uscita.

Tutto questo per evitare di portare via la magnifica sabbia, fenomeno che ha interessato e rovinato per sempre molte altre spiagge della Sardegna, come ad esempio Cala Coticcio.

Se non avete la stuoia, all’ingresso della spiaggia troverete molti venditori ambulanti, loro non possono vendere direttamente in spiaggia.

L’accesso alla spiaggia è, inoltre, stato contingentato e limitato nei mesi estivi.

Nel 2021 era fino a massimo 1400 persone al giorno prenotabili.

Come? Vediamo.

La Pelosa a Stintino: la prenotazione

Dal 1 giugno al 30 settembre è necessario prenotare l’accesso in spiaggia, a pagamento.

La prenotazione è solo giornaliera e valida dalle 8.00 alle 20.00.

Dopo le 20.00 potrete invece accedere gratuitamente.

Basta andare sul sito lapelosastintino e cliccare su Prenota ora.

È necessario inserire i propri dati e l’indirizzo email.

Si seleziona il numero di adulti, massimo 8 per prenotazione, si selezionano uno o più giorni e si effettua il pagamento online.

Riceverete quindi, oltre alla ricevuta del pagamento, una mail col QR code che potrete usare per l’accesso.

All’info point o, come quando siamo stati noi, direttamente alla passerella d’ingresso in spiaggia, mostrando il QR code dallo smartphone riceverete il braccialetto colorato per l’accesso in spiaggia.

Fare i furbi è abbastanza difficile perché i Barracelli, il corpo di vigilanza addetto alla Pelosa, percorre continuamente la spiaggia segnalando tutte le irregolarità.

La prenotazione include anche l’accesso ai servizi igienici posizionati di fianco all’Info Point, comodissimi.

La Pelosa a Stintino: godersi la spiaggia

La spiaggia di La Pelosa in alta stagione può essere davvero molto affollata.

Vi consigliamo di prenotare il vostro accesso in anticipo, anche di qualche giorno eventualmente.

Noi a fine giugno prenotavamo di solito il giorno prima o un paio di giorni prima.

Molto spesso già al mattino alle 9 la prenotazione non era già più disponibile per il giorno stesso e oltre una certa ora molti venivano rifiutati all’ingresso per esaurimento posti.

Paradossalmente abbiamo trovato la spiaggia molto più affollata in settimana piuttosto che nei weekend, probabilmente si tende a pensare il contrario.

Per godervi la spiaggia al massimo, oltre ad avere già pronto il QR code per l’accesso, vi consigliamo di arrivare presto al mattino.

Per la nostra esperienza, a fine giugno, già alle 8 del mattino gli spazi fronte battigia erano già presi, infatti noi scendevamo anche prima delle 8 a prendere posto.

Alloggiavamo proprio sopra la Pelosa, al Roccaruja Vip quindi per noi era facile, non dovevamo neanche cercare parcheggio.

In realtà poi molti tornavano a casa per pranzo oppure già nel primo pomeriggio, quindi si liberavano alcuni spazi.

La Pelosa a Stintino vista della spiaggia dall'alto
La Pelosa a Stintino veduta aerea della spiaggia

I nostri consigli

Arrivate già muniti di stuoia, perché giustamente i prezzi sono alti in spiaggia.

Se avete invece una sdraio da spiaggia o una spiaggina la stuoia non è necessaria.

Munitevi di ombrellone, l’ombra non c’è, il sole è molto forte e perché no, di un paio di corde per ancorare l’ombrellone in caso di forte vento.

Ovviamente cappellino, occhiali da sole e crema solare non devono mancare.

Se riuscite a portarvi il pranzo in spiaggia non è male, tenete presente che i prezzi dell’unico bar della spiaggia sono abbastanza alti.

Altrimenti potrete pranzare al Ristorante bar La Pelosetta, a poca distanza a piedi.

Se non riuscite a prenotare il vostro posto in spiaggia potete comunque posizionarvi sulle rocce poco prima della spiaggia: il mare è lo stesso.

Quando posizionerete l’ombrellone fronte spiaggia, tenete presente che al mattino la marea è alta per poi scendere progressivamente fino a mezzogiorno, quindi è possibile che sullo spazio di battigia davanti a voi, lasciato vuoto, qualcuno in bassa marea possa occuparlo se non portate avanti il vostro ombrellone.

La Pelosa a Stintino vista della spiaggia

Appunti fotografici

Il momento migliore per fotografare la spiaggia è proprio quando la marea scende, lasciando molte zone di secca, così suggestive. Peccato che sia anche il momento più affollato, ma ci farete l’abitudine.

La bassa marea, poi, annulla anche le increspature sulla superficie, per un mare piatto e cristallino, che dà il meglio di sé nelle giornate senza vento.

Il sole sorge proprio di fronte alla spiaggia, quindi i colori sono al massimo fra la tarda mattinata e il primo pomeriggio, quando non avete il sole frontalmente.

Il sole tramonta poi proprio dietro alla spiaggia, quindi molte parti coperte dalla collina, soprattutto sul lato destro, andranno in ombra già verso le 17.30/18.

Il punto di mare più fotogenico secondo noi è quello iniziale, subito dopo la zona rocciosa.

Qui prima c’era un bar, ma a causa dell’erosione della costa, non essendoci più sabbia, quando siamo andati noi lo stavano smantellando.

Se avete una reflex, non dimenticate il filtro polarizzatore per rimuovere i riflessi sulla superficie del mare e un buon grandangolo per abbracciare l’intera spiaggia.

Vedi anche: Quali accorgimenti per scegliere l’attrezzatura fotografica da viaggio

Noi siamo rimasti letteralmente spiaggiati alla Pelosa per ben 6 giorni di fila prima di spostarci verso La Maddalena! Una vera meraviglia.